Pubblicato da: miclischi | 8 febbraio 2015

L’Otello di Lo Cascio al Verdi di Pisa: moderatamente godibile

Luigi Lo Cascio parla del suo lavoro durante l'incontro con il pubblico organizzato da Franco Farina poco prima dello spettaccolo

Luigi Lo Cascio parla del suo lavoro durante l’incontro con il pubblico organizzato da Franco Farina poco prima dello spettacolo

Prologo

– Gua’, o te? ‘Sa ci fai vì, ‘un eri un patito der Montino? O quella d’andà ar Doppiozzero?

– Esaòsa, c’era un pigiapigia dar Montino, poi mi sa che cor negozio rifatto c’è ancora meno spazio, s’aveva fretta, siamo venuti a provà vì.

– Era bòna la pizza?

– Guarda, ormai guasi dappertutto (ma dar Montino no!) usa la pizza finefine che se provi a prendenne ‘na fettina ‘n mano ti ‘asca tutta penzoloni. Dice a’ giovani ni piace ‘osì. La cecina però, si pole dì?, era favolosa.

– Obbravo. E ora dove c’hai d’andà, così a corsa?

– Si va a vedé l’Otello ar Verdi.

– L’Otello? O ‘un era l’anno scorso? O che banda è, lo rifanno digià?

– Ar Verdi, mìa di Verdi! Vésto vì è ‘n prosa. Ma no véllo di Scèspi, dice l’ha rifatto a modo suo Lo Cascio, véllo de’ Cento passi. Addirittura pare lo faccino in siciliano, ce l’ha raccontato pòo fa ir regista nella sala dei concerti ar treatro.

– Allora poi magari va a finì che ‘un ci ‘apisci ‘na seganulla.

– Dice si ‘apisce uguale. Vai, domani te lo ridìo.

– Bòna.

– Bòna.

Il poderoso Vincenzo Pirrotta (Otello) con Giovanni Calcagno (il soldato)

Il poderoso Vincenzo Pirrotta (Otello) con Giovanni Calcagno (il soldato)

Il giorno dopo.

– Oh, rieccoti, allora era bello vest’Otello? L’Esurtate l’ha fatto ammodo?

– Ma allora sei duro, dé, te l’avevo detto ‘un era ‘véllo di Verdi! Era uno spettàolo di prosa! Ma anche se ‘un ha fatto l’Esurtate, te lo posso dì? ‘Vest’Otello, coso, Vincenzo Pirrotta, era proprio un fenomeno. Recitava, s’agitava di và e di là come un ossesso, rantolava, piangeva, si buttava per le terre… Un attore davvero coi fiocchi. E nelle frasi d’amore alla su’ povera Desdemona, tu l’avessi sentito… roba da brividoni. La rabbia (mi veniva da dì la turchesca rabbia), l’odio e l’amore, la tristezza, l’esurtanza (!), la tenerezza, tutte velle robe lì racchiuse in quer pover’omo, ir Pirrotta l’ha fatto proprio bene, bisogna proprio dillo.

– E ir siciliano? Via giù, dillo, che un c’hai ‘apito nulla.

– No guarda, t’assiùro, ir siciliano alla fine ‘un è stato un gran probrema. Fattelo dì da uno che ha sentito tutto ‘r Boris in russo alla Scala dal loggione, e ha goduto da morì. Secciripenzo… ott’ore di ‘oda per la strada e poi cinqu’ore ‘n piedi, abène, s’era giovani… Ir fatto è che in certi momenti di vést’Otello ‘un si sentiva guasi nulla.

– Dé, come un lo sapessi che sei doventato sordo a forza d’andà sott’acqua! Ar treatro ci devi andà, sì, ma con la ‘ornetta all’orecchio!

– O lascia sta’ ‘subacquei! Se ti dìo che un si sentiva ammodo dammi retta. A vorte sì, ma a vorte no. Come quando dé, arriva Iago (che poi sarebbbe proprio lulì, Luigi Lo Cascio detto Gigi) che si strascina per tutto ‘r corridoio della pratea ir sordato che lo tiene per una fune, e principia a ragionà… , te lo posso dì, lì davvero ‘un s’è capito ‘na sega. Hanno vorsuto usà ‘migrofani, ma si vede avevano spippolato un po’ a casaccio sulle ‘onsolli ‘lettronie, e alle vorte arrivava un sòno ‘mpastato che davvero un si ‘apiva nulla.

– Mah, sarà, per me siei te che ‘un capivi.

– Ascorta, la povera pupporona Desdemona, peresempio, un parlava mìa siciliano, parlava di morto italiano, eppure anche lei, sarà che sapeva che di lì a pòo l’avrebbano ammazzata, ma ‘un si sentiva mìa bene véllo che diceva. Si dimenava co’ cortelli o co’ bastoni in mano, ma quando c’aveva varcosa da dì, ir migrofano non l’aiutava mìa tanto. Valentina Cenni, si chiama l’attrice, e ir regista aveva spiegato pòo prima d’andà ‘n scena che l’aveva fatta parlà in italiano per fa vedé com’era diverza da Otello (ir quale, già che ‘un era negro, armeno quarche diversità se la dovevano ‘nventà).

– Insoma, via, dillo, t’ha fatto caà.

– Nono, maccosa dici: lo spettàolo ner su’ inzieme ‘un m’ha mìa sfavato! Iago l’aguzzino, inzomma, via, la merdaccia della situazione, Gigi l’ha fatto ammodo, e poi s’è ‘nventato di principià e finì la storia cor ir corpevole in prigione… e anche la scena guasi finale di luilì che si fa fa’ ‘r ritratto, varda, è stata davvero ‘na ganzata. Non c’ho capito ‘na sega di perché alla fine vanno a finì ‘n sulla luna, o cosa c’incastra? Ma dicedé, se si ‘apisce tutto ‘un c’è gusto… Poi c’era anche ir sordato, quello che sta lì sur bordo der parco a raccontà ver che succcede nella storia, un po’ come vell’omìni dei carretti siciliani che raccontano le storie dell’eroi delle crociate e l’ammazzamenti nelle guerre e nelle storie di ‘orna… Oppure velli là che manovrano i burrattini siciliani con le spade técche ‘n mano… Ecco, quella era proprio una bell’idea, e anche lui (Giovanni Calcagno) c’ha fatto la su’ figura.

– Ma un bell’Otello come quello dell’anno scorso con Palombi, dillo, giù, t’avrebbe fatto godé di più.

– O come ragioni? Cosa c’incastra, te lo devo ridì? E vero che nel mentre che si svorgeva la storia, siciliano o non siciliano, si rionoscevano arcuni de’ pezzi forti (Ora e per sempre addio, Dio mi potevi scagliar…) E poi quando arriva Otello ‘n camera e sveglia la povera Desdemona e ni dice di pregà, guarda, siciliano o non siciliano, Lo Cascio o Boito, esaòsa, Scèspi ci sapeva di morto andà, e anche in questo spettàolo vì, te l’asssiùro, l’amosfera d’Otello e de’ su’ trabagai l’hanno resa di morto bene.

– Allora ni si pole dà un ber voto?

– All’Otello, sia come opera che come personaggio e interprete, di siùro sì. Te l’ho detto e te lo ridìo: quer Pirrotta mi c’ha lasciato davvero di stucco. Per ir resto, sì, è stata ‘na bella rivisitazione della storia che si ‘onosce tutti per lo meno per via di Verdi. Ma ver sòno che andava e veniva e per lo più ‘un si sentiva, guarda, mi c’ha fatto rimané male. Mi riveniva ‘n mente la mi’ nonna che quando sulla televisionina in bianchennero guardava gli sceneggiati televisivi e arrivava una scena girata ar buio, e si mescolava tutto nello schermo sgranato pieno d’intelferenze (specie se era sur seondo, malidetto ir Monte Serra) diceva sempre la stessa frase: Quei barbagianni! Vogliono fa’ i firmi di notte e ‘un gli riesce. Ecco, dopo quest’Otello viene da dì che vogliano fa’ gli spettacoli co’ migrofani e ‘un gli riesce.

Luigi Lo Cascio

Luigi Lo Cascio

– Via giù, ci si rifarà alla prossima.

– Ci puoi giurà. Intanto siamo già qui a ballettà aspettando ir prossimo Scèspi, dice fanno il Màcbe a Marzo.

– Boia dé, in siciliano anche véllo?

– Ma càa dici, no, véllo di Verdi, vedrai lì ‘un ce n’è di migrofani.

– Ah, dé, menomale. Allora ci si vede lì. Bòna Ugo.

– Bòna. Alla prossima. Ma…, scusa se te lo ridìo, guarda che quell’Otello che parla in siciliano, e piange, e soffre, e ama… insomma, te lo posso ridì? Questo Pirrotta fenomenale m’è rimasto addosso come un Niun mi tema fatto a mestieri. Bòna…

Annunci

Responses

  1. Io toscana un sono, ma ví ci vivo da un sacco e sta ‘osa di enezvazze di recensire in verna’olo m’è garbata.
    Però dé la mia la voglio dì ner mi dialetto, che sta ‘osa di Gigi che cor dialetto gli è riuscito meglio che in italiano di rende l’Otello, m’è (c’è) garbata di morto.
    E poi tantu stu blogg lu leggunu di tutta l’talia. Qualcunu cu capesci nc’eti.
    Puru iu sontu ti lu regno ti li do’ sicilie, quindi aggiu capitu tuttu e ssò d’accordo: Otello eti sicilianu. Veru. Ci poi mi mitti Vincienzu ca è travagghiatu cu Cuticchio, faci la cosa cchiù giusta, ppi ffà rrivari le emozioni allu pubblico (cu nna storia di gelosia, poi…)
    Lu suldatu è fattu li pausi allu “cuntu”, ca ci l’era vistu Piter Bruc n’cera dittu “bravu! ‘a capitu: li pausi fanno la narrazione”.
    Desdemona invece non era tantu convinta mancu edda. E allora mi chiedo: com’era ffari cu ndi cunvinci a nui, pubblicu? E puru li mossi cu llu bastoni, ca sembrava ca sta’ ffacìa aikido. Forse cuddu mancu Gigi l’è capitu bbuenu.
    Però bbravu Gigi, t’aggia strengiri la manu: BRAVU e grazie.
    Nna cosa però te l’aggià ddiri: pircè no la llievi dda’ quarta pareti?
    Daveru, non è pi ffà comu a Grotowsky, ma nui, lu pubblico, amà sta cchiù vicini a sta storia ti ggelosia, ti ammori, ti paura, ti scelta e tu l’ha custruita ‘ntra nu modu ca nui ndi sintimu bbeni e picca nci voli ca ti rispundimu!
    Quindi, sienti ammei, llevala sta quarta pareti, na vota tantu ca non è ppi ffà lu teatru modernu a forza…
    E cussì, risolvi puru lu problema ti lu microfono.

  2. Scusate l’italiano: c’avevo fatto anch’io un pensierino (anzi un pensierone)… poi ha avuto il sopravvento la pigrizia del finesettimana. Peccato davvero che non si sentiva bene, altrimenti mi sa che mi sono persa un bello spettacolo.
    Ganzo il vernacolo pisano, da rileggere con i Gatti Mezzi in sottofondo.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: