Pubblicato da: miclischi | 19 ottobre 2014

Una ricca serata a Matera

Per Matera 2019

Per Matera 2019

Una sera d’ottobre 2014. Sul litorale pisano c’è una tromba d’aria che scoperchia tetti, fa paura e fa danno. Un migliaio di chilometri più a sud, a Matera, la serata scorre tranquilla nella città tappezzata di bandiere per la candidatura a Città Europea della Cultura nel 2019. Ogni bandiera, personalizzata con scritte, colori e disegni, viene esposta alle finestre, ai balconi, nelle vetrine, dappertutto. Saranno migliaia.

Nella serata calma, tre fatti salienti.

 

La bella locandina

La bella locandina

Fatto saliente # 1.

A Palazzo Lanfranchi (omonimo!) c’è la mostra Pasolini a Matera: il Vangelo Secondo Matteo 50 anni dopo. Ricchissime, ma proprio ricchissime iconografie (filmati, fotografie, documentari, interviste, documenti, manoscritti, lettere…). Allestimento un po’ affollato nonostante gli ampi spazi. Decisamente fastidioso l’audio di tre o quattro video-installazioni che  si odono contemporaneamente. La perla delle perle in questa mostra strapiena di indizi e sorprese: la serie di riprese fatte durante il sopralluogo di PPP in Palestina, con la voce del regista fuori campo, quasi sempre sul filo dell’emozione suscitata dalla potenza dei luoghi. Luoghi però giudicati troppo “modernizzati” per girare il film. Infatti PPP sceglierà  Matera, decisamente meno modernizzata (nel 1964) della Palestina.

 

Uscito nel 2014

Uscito nel 2014

Fatto saliente # 2.

Presentazione del libro La ferocia di Nicola Lagioia (da pronunciarsi con entrambe le “o” con accento acuto – Nicóla Lagióia) davanti alla Libreria dell’arco (che già di per sé, è una delle più belle librerie che si possano frequentare). Presentazione all’aperto, in via Ridola, Palazzo Lanfranchi sullo sfondo. Arriva Nicola Lagioia con la curatrice della presentazione, autrice per la verità di domande non brillantissime, e si comincia. L’autore non ha bisogno di domande, gli basta un piccolo spunto per parlare e parlare e parlare, spaziando dalla trama del libro, ad aneddoti familiari, alle cronache culturali e politiche degli ultimi vent’anni, alle letterature di tutti i paesi e di tutte le epoche, ai film di Kubrik… E’ un fiume in piena, con quella foga di parlare e di raccontare che lo caratterizza così bene nelle sue trasmissioni mattutine su Radio 3 (Pagina Tre, la rassegna stampa delle pagine culturali). E non manca mai di trasmettere l’entusiasmo per la conoscenza, per la curiosità di scoprire e di sapere, insomma quell’appetito insaziabile per quella cosa che non si mangia: la cultura. E’ talmente abituato a parlare delle recensioni degli altri e dei libri degli altri che parla del proprio romanzo come se fosse stato scritto da qualcun altro. Grande umiltà nel dire per esempio Credo che questo personaggio… Come se non fosse un personaggio che proprio lui ha creato. Una gran bella presentazione, scoperta per caso passeggiando per Matera, finita (davvero!) a tarallucci e vino.

 

Proprio un bel localino...

Proprio un bel localino…

Fatto saliente # 3.

Ma, a cena, naturalmente, al Circolo Malatesta, anzi, ora si chiama Osteria Malatesta. Siamo in Via San Biagio, a un passo dalla Chiesa di San Giovanni Battista e dal Cinema Comunale.  Il solito ambiente familiare, l’oste che invita a sedersi al suo tavolo, dove si alternano la cameriera e vari amici che vanno e vengono. Si parla di tutto, in un’atmosfera davvero confortevole. Spunta un amico di Massimo, l’oste, che ha visto la presentazione di Lagioia, e condivide proponendoli sul tavolo due volumi di Roberto Arlt (bella scoperta). E poi musica, viaggi, idee. Anche se ha cambiato nome, rimane sempre davvero un circolo. Da mangiare? Tutto buono. Stasera: spaghetti alla chitarra con crema di fave e poi sformato di patate con verdure accompagnato da polpetta di zucchini e sesamo. Abène Matera…

Per la cronaca: Venerdì 17 ottobre 2014, pochi giorni dopo la visita materana, Steve Green, presidente della commissione giudicatrice internazionale, ha ufficialmente informato il Ministro Franceschini che Matera è stata designata capitale europea della cultura 2019.

Annunci

Responses

  1. […] Mazzucco) o sulla crudeltà (come  Au revoir là-haut di Pierre Lemaitre). Adesso, dopo la bella presentazione di Matera, la lettura di un libro che si dichiara già nel titolo: La ferocia di Nicola […]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: