Pubblicato da: miclischi | 9 febbraio 2014

Fotogrammi misteriosi da un negativo dimenticato

Ritrovata per caso

Ritrovata per caso

Succede spesso, curiosando fra i banchi di mercatini e negozietti alla ricerca di una macchina fotografica interessante, di trovarci dentro una pellicola. A volte a colori, negativi i cui processi di sviluppo non esistono più. A volte in bianco e nero, e qui la cosa si fa più semplice, perché  il procedimento è grossomodo sempre lo stesso.

E allora fu rinvenuta in una Retinette malandata e quindi non acquistata (l’otturatore era rimasto bloccato in posizione aperta e tempi e diaframmi erano bloccati) una pellicola Ferrania S2 pancromatica 32. Laddove si suppone che S2 sia il modello e 32 la sensibilità. Ci si limita alle supposizioni perché una ricerca internettistica non ha dato alcun risultato.

Il commerciante accettò di buon grado che il mancato acquirente si intascasse comunque la pellicola, e quindi si passò alla fase di sviluppo.

Pancromatica, ci mancherebbe!

Pancromatica, ci mancherebbe!

Come rivelatore fu scelto R09 One Shot, l’erede dello storico Rodinal, antico quasi come le pellicole Ferrania, e come tempo fu preso come riferimento  quello per una pellicola a bassa sensibilità (Ilford PAN-F) sviluppato a 40 ASA . In pratica: 5 minuti in diluizione 1+24 a 20° centigradi.

Dopo lo sviluppo, il fissaggio e il risciacquo, la risposta all’interrogativo: sarà rimato qualcosa dell’emulsione impressionata tanti anni fa? In altre occasioni la pellicola, dopo lo sviluppo, era risultata completamente deserta. In questo caso, così così: solo pochi scatti sono rimasti sulla pellicola sviluppata, ed eccoli qui sotto.

I due scatti più nitidi sono nei fotogrammi 2 e 3, proprio all’inizio del rullo: immagini quasi cinematografiche con dettagli di una mano in interno. Poi niente fino al fotogramma 23, dove si suppone si trovasse una esposizione con tempi lunghi ma senza cavalletto. Poi qualche ghirigoro chimico qua e là e forse, ma proprio forse, la silhouette di un paesaggio collinare, al fotogramma 29.

Una bella avventura, riportare alla realtà quel che era rimasto in latenza per qualche decennio.

Il negativo è stato scansionato con Epson Perfection V600 Photo.

Il fotogramma 2, l'immagine più nitida

Il fotogramma 2, l’immagine più nitida

Il fotogramma 3

Il fotogramma 3

Il fotogramma 23: mosso!

Il fotogramma 23: mosso!

Fotogramma 29: paesaggio collinare o ghirigoro chimico?

Fotogramma 29: paesaggio collinare o ghirigoro chimico?

 

Uno dei tanti pastrocchi chimici: l'unica traccia rimasta sul negativo

Uno dei tanti pastrocchi chimici: l’unica traccia rimasta sul negativo

 

 

Annunci

Responses

  1. quella con la mano con la sigaretta
    con la lente di ingrandimento sul tavolo
    chissà

  2. Ciao Miclischi, sono felice di avere trovato la foto di un rullino identico a quello che mi trovo tra le mani in questo momento, a suo tempo impressionato e riposto nel suo contenitore in alluminio! Ferrania S2 pancromatica 32, data di scadenza FEB 1951. Il fotografo, visto il rullino e fatta una telefonata a non so quale esperto, mi ha detto che si tratta di diapositive a colori, ma che l’acido E2 non si trova più, pertanto non potrò neppure tentare di vedere nulla di quanto è stato a suo tempo scattato. Pensi che sia vero? Che cosa mi consigli di fare? Io abito a Milano. C’è qualcuno che conosce un laboratorio in grado di provare a sviluppare questo vecchio rullino? Grazie a miclischi e a chiunque vorrà aiutarmi.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: