Pubblicato da: miclischi | 25 dicembre 2013

Yashica 635: una biottica 6×6, ma non solo

Una medio-formato 120 utilizzabile anche con la pellicola 35 mm

Una medio-formato 120 utilizzabile anche con la pellicola 35 mm

Begli apparecchi, le Yashica 6×6 biottica. Anche senza scomodare le professionali con obiettivi intercambiabili, anche le standard ad ottica fissa simil-Rolleiflex sono delle macchine fotografiche di tutto rispetto.

Ma c’è un modello, in particolare, che offre una possibilità supplementare: invece di scattare 12 foto in formato 6×6 (pellicola 120), con la Yashica 635 si possono anche scattare 36 foto in formato 135. Bastano poche e rapide manovre (questo video le mostra molto bene) per montare qualche pezzo all’interno della macchina, e il gioco è fatto.

Differentemente dalla Rollei (che pure dispone di un kit per il 35 mm) nella Yashica sono molto ben distinti i comandi per la movimentazione della pellicola: sul lato destro della macchina le manopole per il 120; sul lato sinistro, quelle per il 135 (compreso il sistema di riavvolgimento della pellicola, che nel caso del 120 non è necessario).

Alcuni scatti nel formato 120

Alcuni scatti nel formato 120

Insomma, un piccolo gioiello di meccanica che permette di trasformare questa TLR in una 35mm dotata di medio-tele, fra l’altro adattissimo per i ritratti e che, inoltre, usufruendo dalla parte centrale dell’obiettivo, presenta i noti vantaggi di riduzione delle aberrazioni ottiche marginali.

Pochi pezzi da inserire all'interno per poter caricare la pellicola 135

Pochi pezzi da inserire all’interno per poter caricare la pellicola 135

Questa macchina straordinaria data della fine degli anni ’50 si presenta come solida e massiccia ed è un piacere maneggiarla.

Le ghiere per tempi e diaframmi sono simili a quelle della Rolleilex, ma la differenza più vistosa è che l’otturatore non viene ricaricato durante il trascinamento della pellicola: è necessario caricarlo manualmente. Se questo può creare dei problemi quando ci se ne dimentica (si scatta e non succede niente), naturalmente apre la strada alle possibilità delle esposizioni multiple.

Dettaglio del lato sinistro: la manopola per il trascinamento della pellicola 135; il pulsante per sbloccare lo sprocket e riavvoglere; il pulsantino da premere ogni volta per sbloccare il trasscinamento.

Dettaglio del lato sinistro: la manopola per il trascinamento della pellicola 135; il pulsante per sbloccare lo sprocket e riavvoglere; il pulsantino da premere ogni volta per sbloccare il trasscinamento.

Obiettivo Yashicor 80 mm f. 35; tempi da 1 secondo a 1/500 più B; diaframmi da 3.5 a 22, manopolona della messa a fuoco sulla destra dell’apparecchio: lentino come nella Rolleiflex e delimitazione del campo inquadrato dalla pellicola 135 direttamente sul vetro smerigliato.

L’uso pratico ha dimostrato una estrema maneggevolezza, anche nel formato 135. Tuttavia, appare evidente che il formato “canonico” in questo caso è quello verticale, visto che la pellicola scorre verticalmente nel corpo-macchina. Per scattare qualche foto in formato landscape tocca fare qualche acrobazia. Complicato, ma si può fare.

Scuriosando su Internet si possono trovare anche gli aggiuntivi tele (uno per l’obiettivo e uno per il mirino) e numerosi altri accessori. Fioriscono su Internet le pagine dedicate a questo apparecchio, a cominciare dal consueto manuale sul sito di Michael Buktus (ma qui si trova anche un manuale di 55 pagine omnicomprensivo per tutte le Yashica biottica), continuando poi su questo sito che presenta descrizioni, caratteristiche tecniche e chiavi per il riconoscimento delle varie versioni di tutte le biottica; c’è poi questa pagina in cui un fotografo ridicolizza l’uso della pellicola 35mm su una macchina più grande… Ma questa è solo la sua opinione!

Le foto qui presentate sono state scattate con pellicola Fomapan 100 e sviluppate in R09 one shot in soluzione 1+50; lo scanner è un Epson Perfection V600 photo.

Con la pellicola 135

Con la pellicola 135

 


Responses

  1. […] Yashica 635. Se ne parlava tempo addietro qui. Una TLR 6×6 che con poche facili mosse può accogliere anche i rullini 135. Una macchina che […]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: