Pubblicato da: miclischi | 12 aprile 2012

Poderosa Moskva 5

La Moskva 5 pronta all'uso

Nel panorama delle macchine fotografiche sovietiche, la Moskva fa un po’ la parte dell’ammiraglia. Con il suo formato 6×9 di derivazione Zeiss, questo apparecchio pieghevole (a soffietto) è davvero impressionante. Ma come si vedrà è anche piacevole da usare, e si ottengono dei risultati egregi.

La produzione della Moskva fu iniziata dalla KMZ (la stessa fabbrica della Horizont, della Iskra e delle Zenit e  Zorki) nel 1946 con il modello 1, e si concluse nel 1960 con l’ultima serie della Moskva 5. Quest’ultimo modello, come ben illustrato qui, fu prodotto in 4 diverse serie, con piccole varianti. L’apparecchio qui presentato e testato è, con tutta probabilità, una Moskva 5 del 1959 (terza versione).

La Moskva 5 funziona con pellicola 120, e se dispone della mascherina originariamente fornita, si può scegliere se scattare 12 fotogrammi in formato 6×6, oppure 8 foto in formato 6×9: un ingegnoso sistema di levette all’interno del dorso (da impostare quando si carica la pellicola) attiva o disattiva (a seconda della scelta) l’apertura dell’una o dell’altra finestrella contapose sul dorso della macchina, e un selettore sulla parte superiore permette di posizionare un lentino nel mirino che si adatta al formato scelto. Sfortunatamente, è raro trovare oggi una Moskva che sia dotata anche della mascherina per il 6×6.

Chiusa e aperta.

L’obiettivo è un Industar 105 mm con apertura massima 3.5, mentre l’otturatore è un Moment 24-C con tempi da 1 secondo a 1/250 + B. Gioiello particolarmente prezioso di questo apparecchio è il telemetro, sensibile e precisissimo. Per attivarlo occorre sollevarlo sul corpo-obiettivo dopo aver estratto il soffietto (e bisogna ricordarsi di riporlo prima di richiudere la macchina). In questo modo la lente anteriore, accoppiata alla ghiera della messa a fuoco, viene allineata a una delle due feritoie del telemetro sul corpo-macchina.

Qualche piccola scomodità d’uso: lo scatto a sinistra invece che a destra. Si trova anche sulla Kiev, e su alcune Exa e Exacta. E ci vuole un po’ a farci l’abitudine. Poi il mirino all’estrema destra (insomma: tutto al contrario della Leica). Poi la ghiera della messa a fuoco, che non è molto ergonomica, e infine l’obiettivo stesso,  sprovvisto di filettatura per eventuali filtri, per i quali è necessario adoperare un adattatore. Cura speciale, inoltre, va posta nell’estrazione completa del blocco-obiettivo (fino allo scatto) altrimenti ci sono problemi di allineamento, e nell’apertura del dorso, che non è incernierato, ma che si stacca completamente azionando l’apertura laterale.

Si nota l'allineamento della lente anteriore con la lente posteriore del telemetro

Fatte queste premesse, scattare un paio di rulli (in totale: 16 foto!) è davvero molto piacevole, una volta che ci si è un po’ abituati alle anti-ergonomie di questo gioiello sovietico.

In una giornata simil-autunnale di Aprile, la scelta è caduta sulla pellicola Foma 400, accoppiata al “suo” rivelatore Fomadon R09 (in pratica un Rodinal) in diluizione 1+50.

I risultati sono assolutamente soddisfacenti, nonostante la luce infelice della giornata. Un vero peccato non poter montare un filtro giallo sull’obiettivo, avrebbe aiutato. Comunque la resa è più che accettabile, e parecchio comodo è anche il film Foma, con il suo spessore generoso, e quindi facilmente manovrabile in camera oscura (anche per infilarme uno dietro l’altro nella stessa spirale, come in questo caso).

Dal punto della manovrabilità, si conferma la scarsa ergonomia, e andrebbe certamente fatto qualche scatto col cavalletto (la filettatura è disponibile sia in posizione portrait che landscape, mentre il piedino d’appoggio c’è solo per le riprese in verticale). Comunque, con buona pace della super-ammiraglia Graflex Speedgraphic, la Moskva 5 si conferma – per ora – come il miglior compromessso (anche di portabilità) per un apparecchio 6×9.

Tsaramaso con la Sprocket Rocket fotografata con la Moskva 5

Con la Moskva 5

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: