Pubblicato da: miclischi | 10 marzo 2012

Jan Fabre: fragore e amplessi floreali

Fra i fiori

Teatro di Pontedera, inizio marzo 2012. Si spengono le luci in sala. Buio pesto. Musica d’organo in cui fragori di bordoni e fortissime dissonanze aumentano e aggravano il buio dell’attesa. S’apre il sipario, sempre al buio. Lentissimamente, secondo il paradigma dell’esasperazione che avvolgerà tutto lo spettacolo, il buio si fa ombra, ombra scurissima per verità. In quell’oscurità, si scorge nel palco buio una specie di catafalco nel mezzo. Dopo un’altra interminabile sequenza di musica fortissima, la luce lentissimamente aumenta d’intensità. Si scopre finalmente che il catafalco altro non era che un panettone ricoperto di fiori. E – dopo una lunga attesa –  i fiori si animano, come in contorsioni di dragone cinese. Nel frattempo, con grande sollievo dei timpani, la musica d’organo si fa più lieve, e agli insostenibili bordoni si sostituiscono delicati fraseggi fra note che si rincorrono fra registri diversissimi dell’organo. E il lucore, lentissimamente, aumenta. Esce dall’ammasso di fiori del panettone un braccio, poi due, poi una testa. E in un indemoniato incalzare di spasmodici movimenti, scivola giù una bella ragazza in duepezzi nero. Ed ecco che scopre il pavimento: non già una desolata distesa di steppa salata mediterranea, bensì un variopintissimmo tappeto di fiori: un accurato ibbegana dai contorni precisi, una disposizione floreale dalle geometrie maniacali.

Con i fiori

La musica non si cheta quasi mai. Ma l’attrice-danzatrice scesa dalla bara fiorita comincia a dare sfoggio della sua padronanza perfetta delle membra e dei muscoli. In un tripudio di eccellenza ginnica si aggira nel prato fiorito guardando il pubblico con occhi spiritati.

Poi, d’un tratto, smatta e comincia a devastare quella ordinatissima distesa di fiori; scompiglia e abbraccia grandi fasci fioriti e voluttuosamente ci si accoppia in confricazioni e amplessi, buttando tutto all’aria e smaniando di trovare appagamento e piacere in quella natura vegetale.

Poi si dà una calmata (e con essa anche la musica) per assumere un atteggiamento più contemplativo, mangiucchia qualche foglia e qualche petalo, acchiappa qua e là qualche manzanillo che con grande piacere si mette in bocca, ogni tanto vede se va tutto bene nelle mutande, poi… buio.

Al ritorno della luce la si ritrova dentro la teca di vetro che era nascosta fino a poc’anzi dai fasci di fiori. Sullo sfondo della teca, una data: 07/01/1975. La danzatrice, stavolta nuda, appena visibile a causa della condensa che si accumula sui vetri, si dimena attorniata da uno sciame di grandi farfalle intrappolate con lei nella teca. E nel dimenarsi, fatalmente, ne stiaccia un bel po’.

Traccia sul vetro verso il pubblico similitudini di pitture rupestri preistoriche, ma anche un modernissimo favik.

Poi, finalmente paga, si sdraia, la luce si spenge, la musica finisce, ed eccola ricomparire sorridente e contenta come una pasqua in una vestaglietta nera.

Nella teca con le farfalle

Applausi tiepidi. Gran profussione di mah…, insomma, a differenza di altri lavori di Jan Fabre, questo Preparatio mortis ha lasciato non poche perplessità. Per la grande assenza di un filo narrativo leggibile, per i poveri insetti sfracellati fra le carni sudate dell’attrice e le pareti di vetro (forse, davvero, il bisnonno entomologo di Fabre si rivolta nella tomba), ma soprattutto per i tempi morti inspiegabilmente lunghi e la musica a volume troppo alto. Peccato, soprattutto, che la performance sia risultata, in più tratti, semplicemente noiosa.

Per la cronaca 1: L’inteprete – bravissima – di questo spettacolo pontederese era Lisa May.

Per la cronaca 2: L’autore e interprete delle musiche è l’organista belga Bernard Foccroulle.

Per la cronaca 3: Questo estratto su youtube, con musica a volume più godibile, non rende l’idea del fragore, ma della florealità sì.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: