Pubblicato da: miclischi | 1 ottobre 2010

Due chili e 240 grammi di foto-tecnologia sovietica

La Kiev 60. Una copia sovietica (prodotta dalla Arsenal, fabbrica ukraina di cannoni) della est-tedesca Pentacon Six, a sua volta derivata dalla Practisix. Insomma, immaginate una SLR 35 mm gonfiata a dismisura per mantenere le proporzioni nonostante la pellicola 120 e un obiettivo “normale” da 80 mm. La Kiev 60, come del resto la cugina Pentacon Six (con la quale ha in comune l’innesto degli obiettivi) è quasi mostruosa. Eppure, proprio per questo – naturalmente – è anche un apparecchio di grande fascino.

Con il Volna 80 mm

Una volta superato lo sconforto per il peso e l’ingombro, dopo aver preso dimestichezza con questo apparecchio mastodontico, con il rumore pazzesco dello specchio 6×6 che si alza e della mega-tendina che scorre, si comincia a godersela. I primi modelli TTL (come quello qui raccontato) avevano il pulsante di scatto a sinistra e non a destra (ma questa era la prassi anche sulle Exakta e sulle Moskwa), e anche a questo bisogna fare l’abitudine.

E poi il grandioso pentaprisma con l’esposimetro TTL che mantiene un elevatissimo livello di “manualità”: dopo aver impostato l’apertura massima della lente si ruota il pippolone guardando nel mirino: ci sono due segnali luminosi: “troppa luce” e “troppa poca luce”. Quando sono accesi tutti e due va bene. Allora bisogna andare a leggere qual è la coppia tempo/diaframma corrispondente, e finalmente si potranno impostare i valori corretti.

I risultati: più che buoni. Sono stati provati l’obiettivo “normale” in dotazione: un Volna 80 mm prodotto dalla stessa Arsenal (oggi Arax) e poi il grandangolo Flektogon 50 mm Zeiss (eh, già, uno dei grandi vantaggi di questa macchina è che con un po’ di pazienza si possono trovare anche lenti Zeiss).

Le foto qui riprodotte sono state scattate con pellicola Fomapan 100 e sviluppate con Fomadol in diluizione 1+50. La scansione è stata fatta con uno Epson Perfection 1240 U.

Con il 50 mm Zeiss

Problemi: viene tipicamente sbandierata su molti forum tematici l’annosa questione della spaziatura dei fotogrammi sul negativo. Il fatto è che l’avanzamento (manualissimo) della pellicola richiede una rotazione della leva di un ottusangolo stupefacente, roba cui non si è più abituati, specialmente se si proviene dal piccolo formato 135  (dove ci sono da trascinare poco più di 36 millimetri, contro gli oltre 60 del 6×6), per cui bisogna proprio ricordarsi ad ogni scatto di spingere la leva fino a fine corsa.

Poi c’è la curiosità della pila dell’esposimetro. La torretta sul prisma ha un interruttore a tre posizioni: prova batterie, acceso e spento; si è talmente abituati al fatto che l’esposimetro si aziona premendo sul pulsante di scatto o azionando la leva di trascinamento, che  è facilissimo dimenticarselo acceso (con conseguente inesorabile scaricamento delle batterie). Ma poi la curiosità è che l’alloggiamento della batteria consente di infilarci (con qualche accorgimento) 4 pile a bottone da 1,5 volt… ma l’esposimetro funziona a 4,5 Volt! Per cui bisogna ingegnarsi a fare in modo da assicurare il contatto anche se con un numero di pile (3) che per loro natura (e volume) ciottolerebbbero. Per chi non ha voglia di fare bricolage elettrico si trovano du Ebay degli adattatori bell’e fatti. Oppure (opzione forse più congeniale a chi si diverte a scattare fotografie con macchine non proprio moderne) si può anche farne a meno, dell’esposimetro, e fare come se non ci fosse. A proposito, il kit originale della Kiev 60 comprendeva anche un mirino a pozzetto, ed anche questo si può trovare abbastanza agevolmente su Ebay.

Zeiss 50 mm

L’universo Kiev è molto esteso, con forum, siti dedicati, manuali online, album fotografici eccetera. Ecco una piccola selezione:

1.   Il Kievaholic Klub: un sito arlecchinesco fatto di tanti pezzettini scoppiettanti con consigli pratici e tecnici, suggerimenti per varie tecniche di ripresa e insomma un buon mezzo per esplorare l’universo Kiev.

2. Uno dei vantaggi di questa macchina fotografica è la possibilità di montare una varietà di lenti con il passo Pentacon Six. Qui c’è un’ampia rassegna dei vari obiettivi, anche con prove pratiche e confronti, e in pratica suggerimenti preziosi per eventuali scelte d’acquisto.

Questione di proporzioni: ecco la Kiev 60 TTL a confronto con la Nikon FM2

3. Il manuale d’uso della Kiev 60 TTL (in inglese) si trova qui.

4. Naturalmente esiste anche la pagina di camerapedia dedicata alla Kiev 60.

5. Su questo sito web interamente dedicato alle macchine fotografiche russe e sovietiche, c’è anche la pagina dedicata alla Kiev 60, dove insieme a una breve scheda tecnica c’è anche l’elenco di dettaglio di tutti i componenti del “kit” nel quale veniva oiginariamente venduta la macchina. Sul menu di sinistra c’è anche tutta la lista dei vari modelli Kiev, tante volte uno volesse dare un’occhiatina…

Con il grandangolo Zeiss 50 mm

Annunci

Responses

  1. Bellissime le foto col 50mmm, quando le stamperai fammi sapere la resa. Altra cosa: il mirino a pozzetto è OBBLIGATORIO!!!
    COMPLIMENTI PER L’ACQUISTO!

  2. […] Kiev 60. Di questa macchina reflex 6×6 di fabbricazione sovietica si era ragionato tempo fa qui. Poi, scuriosando sul web alla ricerca di qualche accessorio o obiettivo, fu trovato un duplicatore […]

  3. […] Kiev 60: se ne era ragionato dapprima qui, a proposito del suo peso e delle sue dimensioni, e poi ancora qui, per presentare qualche scatto […]

  4. […] la cronaca: in post precedenti si era parlato della Kiev in quanto tale,  e del suo uso per realizzare macro con un tubo di […]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: