Pubblicato da: miclischi | 1 settembre 2010

E dicono che vogliono fare il turismo…

La casa-museo di Carlo Levi

Scena: il paesino di Aliano, sulle montagne della provincia di Matera. E’ la Basilicata di Carlo Levi, che nel suo libro Cristo si è fermato a Eboli aveva rinominato il paese: Gagliano. Un gruppetto di turisti approda al paesello dopo innumerevoli curve in uno straordinario ancorché arido paesaggio di calanchi allo scopo di visitare i luoghi leviani. La casa in cui lo scrittore-pittore trascorse i suoi mesi di confino è chiusa, in compenso un cartello scolorito dal sole indica che per le visite bisogna rivolgersi alla Pinacoteca Carlo Levi in Piazza Garibaldi. Salendo verso la parte alta del paese, verso la chiesa, si trova l’ufficio turistico (chiuso), sul quale campeggia un cartello che dice che per visitare la casa-museo di Levi bisogna andare direttamente alla casa stessa. Ma c’è da giocare ancora la carta pinacoteca. Piazza Garibaldi è uno slargo sulla via principale, ma non c’è nessuna traccia, proprio nessuna, di una pinacoteca, né di nessun altro esercizio aperto.

Una escursione nella foresta del parco di Gallipoli Cognato

Pazienza. Una passeggiata per le vie del paese è comunque piacevole: paesaggi mozzafiato su dirupi vertiginosi, vie e viuzze in parte risistemate e in parte in completo abbandono, con le porte delle case sbarrate da catenacci e lucchetti; e poi questa bella idea di disseminare per il paese targhe in terracotta che raccontano in poche righe (tratte dal libro di Levi) questo o quel palazzo, o spiazzo, o strada. Una visita senz’altro da consigliare, a prescindere dalla visita alla casa-museo.

Ma si è fatta quasi l’ora di pranzo e fa caldo, dopo tutto siamo in agosto. Ci vuole una bibita. Davanti a un bar (chiuso) un signore commenta che il barista se ne è andato,e forse riaprirà verso le 4 o le 5 del pomeriggio. Fa una piccola pausa e aggiunge una frase decisiva (si può cercare di immaginare una forte inflessione da dialetto lucano di montagna): E dicono che vogliono fare il turismo.

Una frase che pesa come un macigno, considerando che il turismo potrebbe rappresentare una valida opportunità di riscatto, ma soprattutto di impiego, anche giovanile, in queste terre in cui Cristo (per dirla con Levi) non è arrivato.

Ma così è, e così continua ad essere: nel paesino di Aliano ci sono due forni e vari bar, ma il fruttivendolo (ci mancherebbe, siamo d’agosto, mese di vacanze) è in ferie. Poco lontano (qualche centinaio i curve più in là), poco oltre Accettura, il centro visite del Parco Naturale di Gallipoli Cognato e delle Piccole Dolomiti Lucane, essendo sabato (!), è chiuso. Accanto al centro visite c’è un singolare “Orto Botanico”: laddove ci sono alberi non ci sono cartelli indicatori,e laddove ci sono cartelli indicatori non ci sono alberi! Eccetera, eccetera.

Luoghi bellissimi, natura suggestiva, evocazioni storiche e letterarie. Ci sarebbero (ci sono!) tutti gli ingredienti per una fruizione turistica da incoraggiare e valorizzare. Macché… La fruizione turistica appropriata, sostenibile ma anche utile a chi è rimasto in quei paesi, rimane un’ipotesi improbabile.

Infatti, oltre alle indelebili, bellissime immagini e sensazioni di questi luoghi meravigliosi, rimane con grande forza, quasi simbolo di questa escursione, la frase dell’anonimo alianese che tutto amaramente riassume.

Una galleria di immagini di Aliano si trova qui.

Tramonto al paese di Pietrapertosa, arroccato sulle Dolomiti Lucane



Annunci

Responses

  1. Tra Pietrapertosa e Castelmezzano (denominato come uno dei borghi più belli d’Italia) c’è un cavo d’acciaio al quale puoi appenderti e fare “il volo dell’angelo”:
    http://www.volodellangelo.com/

    Ma se sei a Pietrapertosa non puoi prenotare il volo da Castelmezzano e viceversa.
    …e poi dicono che vogliono fare il turismo!

  2. comunque il posto è veramente bello
    anzi le foto sono veramente belle

    per natale voglio il calendario “porte di lucania” (lischi editore ovviamente)


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: