Pubblicato da: miclischi | 25 agosto 2010

Fossanova: cultura e gastronomia

L’Abbazia di Fossanova, con il suo circostante borgo, è un’oasi di bellezza e di quiete in mezzo al nulla. Quel “nulla” che si trova nell’entroterra di Sabaudia e della fascia costiera Circeo-Terracina fatto di campi coltivati e capannoni. Quel nulla dal quale uno magari fugge verso la costa per cercare refrigerio e dove invece trova più che altro folle urlanti e sudaticce, bar, locali e ristoranti congestionati, traffico che trasuda malumori e insulti, e insomma tutto il campionario delle nostre coste d’agosto. A Fossanova è tutta un’altra musica.

Siamo vicino a Priverno, in provincia di Latina. L’Abbazia, maestoso edificio gotico-cistercense del XII secolo, si staglia nel paesaggio con la sua facciata di pietra; anche l’interno, dalle navate altissime, è sgombro da rimaneggiamenti barocchi e rimane maestosamente spoglio. Accanto c’è il chiostro, un fresco giardino ben curato e circondato da colonnati, sale, padiglioni. Il borghetto, una specie di città medievale in miniatura, comprende anche un baretto, l’ufficio postale, un museo, botteghe che smerciano prodotti locali (non manca anche quello con i prodotti dei monaci dell’abbazia, fra i quali un amaro niente male), rovine di terme romane ed anche l’antico forno.

Proprio nell’edificio del vecchio forno (la bocca del quale è tuttora visibile nel locale cucine) si trova il Ristorante – appunto –  Il Forno del Procoio. Ampi locali freschissimi arredati con antichi tavoloni ma soprattutto, d’estate, un ampio spiazzo erboso davanti all’ingresso, adornato (e ombreggiato) da due maestosi alberi (un cedro e un leccio). Lì, sotto le fronde antiche, si gode la frescura altrimenti introvabile, la pace quieta dell’ambiente monastico, ed anche la cucina gustosissima del cuoco Sandro Coviello. Siamo in zona di bufala, quindi dalla mozzarella, ai sughi, allo spezzatino la protagonista è lei, in compagnia della capra, altro pezzo forte della cucina, tradizionale pontina.

il cuoco

Non mancano però altre espressioni della creatività cucinistica: dalla amatriciana rivisitata, a sapienti salse con misture di erbe, a stupefacenti fantastici dolci della tradizione siciliana (ebbene sì). Il tutto presentato impeccabilmente e accompagnato da una ricca carta dei vini.

Una cena estiva piacevolissima in un luogo incantato, lontano (eppure vicino) dalle intemperanze della costa affollata d’agosto.

Il Forno del Procoio – Storia e cultura in cucina. Via dell’Abbazia, 1 – Fossanova, Priverno LT.  Info e penotazioni: terrachiara@hotmail.it – 0773/939073

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: