Pubblicato da: miclischi | 17 agosto 2010

Ventiquattro perle di Šostakovič

Quando Dmitrij Dmitrievič Šostakovič fu mandato a presiedere la giuria del premio pianistico organizzato in occasione delle celebrazioni del bicentenario dalla morte di Bach a Lipsia (era il 1950) rimase colpitissimo dall’intepretazione bachiana della sua connazionale Tatiana Nikolayeva (che vinse il concorso – tra l’altro – lasciando scegliere alla giuria quale dei preludi e fuga del Clavicembalo Bentemperato avrebbe dovuto eseguire, visto che aveva preparato tutti e 48 i brani…). Di ritorno in patria il compositore si dedicò subito alla composizione e in poco più di tre mesi completò il ciclo di 24 preludi e fuga per pianoforte. Durante la composizione Šostakovič condivise il suo sforzo creativo con la Nikolayeva, la quale eseguiva i brani non appena composti. Un ciclo straordinario, chiaramente ispirato a Bach, compositore ammiratissimo dall’artista sovietico, alcuni brani del quale furono inseriti in un disco interpretato dall’autore stesso, e che rimase a lungo una questione sovietica interna, tanto che l’integrale del pianista australiano Roger Woodward dei primi anni ’70 fu sbandierato ai quei tempi come “Premiere recording in the Western World“. Quando c’era l’Est e l’Ovest.

La storia dell’origine del ciclo pianistico di Šostakovič viene raccontata dalla Nikolayeva in persona – con vivida emozione – in un breve documentario in inglese che si può visionare (in due parti) su youtube. Nel video la Nikolayeva, non più ventiseienne come quando era a Lipsia, ma tuttavia molto decisa e convincente nella sua interpretazione, suona alcuni brani del ciclo in quella che sembra essere casa sua. L’interpretazione della Nikolayeva è stata lungo reputata essere la “versione ufficiale” dei preludi e fuga. Ciò non toglie che ormai, dai tempi della Nikolayeva e di Woodward, siano parecchie le registrazioni integrali, compresa quella di Keith Jarret, che da qualche tempo ormai sembra impegnato nel raccogliere la sfida dell’eseguire tutto il repertorio pianistico e clavicembalistico di tutte le epoche.

E’ uscita quest’anno per la Harmonia Mundi, in un elegante cofanetto che comprende anche un DVD con intervista all’inteprete, la versione integrale del ciclo eseguito da Alexander Melnikov. Anzi, siccome i 24 preludi e fuga non ci stavano strizzati in due CD, il terzo è double-face: da una parte il P&F n.24 e dall’altra il DVD con l’intervista (nel corso della quale viene ricordato anche l’episodio di Lipsia del 1950). Il libretto che è compreso nel cofanetto triplo contiene un breve saggio dell’interprete: non solo sul ciclo pianistico, ma anche su Šostakovič, la sua musica e la sua epoca. Una nota illuminante anche sugli intenti dll’interprete: continuare a scavare in questo universo in 24 tonalità senza accontentarsi delle versioni “ufficiali” e delle tante banalità che sono state scritte sul presunto “messaggio” contenuto nella musica di Šostakovič.

E la musica?  A un primo ascolto l’interpretazione di Melnikov appare un po troppo pedalosa e lontana da un asciutto approccio bachiano al ciclo. E questo sia in confronto con il canone della Nikolayeva che con la l’esecuzione dell’autore. Poi però si riascoltano e ci se ne lascia avvolgere, da questi preludi e fuga di Melnikov, e se ne rimane quasi stregati. E’ come se fosse riuscito a mettere in risalto delle sfumature, dei passaggi, degli appoggi che nelle precedenti edizioni non si sentivano (del resto, se si riascolta poi il preludio in. 5 in re maggiore – quello tutto arpeggiato – nell’interpretazione dell’autore, sembra quasi suonato da una pianola meccanica…).

Un bell’ascolto, ma anche una bella lettura, ed anche una piacevole visione della video-intervista contenuta nel DVD. Una piacevole sorpresa e una piacevole riscoperta: questi preludi e fuga più li si conosce e più non ci si stanca di ascoltarli.

D. Šostakovič:   The Preludes & Fugues. Alexander Melnikov, piano. Harmonia Mundi – Le Chant du Monde, 2010.

Per la cronaca 1: La convivenza di Šostakovič con il regime sovietico fu faticosa e difficile. La rievoca lui stesso nel libro autobiografico Testimonianza. Non più disponibile nella traduzione italiana (così pare) si trova invece in inglese su ibs books. Il celebre articolo pubblicato nel 1936 sulla Pravda con il titolo Caos invece di musica stroncò l’opera Lady Macbeth del Distretto di Mcensk e cambiò la vita del compositore. Qui c’è la traduzione inglese. dell’articolo.

Per la cronaca 2: Un fotolibro ricchissimo di immagini e informazioni sulla vita del musicista è stata pubblicato dalla EDT nel 2003. Vivamente consigliato. Qui c’è la pagina ibs.

Per la cronaca 3: Su questo sito web c’è un’analisi di dettaglio di tutti e 24 i brani del ciclo. Molto più approfondita appare invece l’analisi di Mark Mazullo uscita quest’anno: Shostakovich’s Preludes and Fugues: Contexts, Style, Performance. Un volume di 286 pagine che si annuncia molto puntiglioso  (l’autore è Associated Professor al Macalester College nel Minnesota). Si può ordinare da ibs books.

Per la cronaca 4: Šostakovič era anche un virtuoso del piano. In questo video c’è la sua interpretazione dello scoppiettante finale del primo concerto per pianoforte.



Responses

  1. A proposito di pianoforte, ultimamente ascolto spesso questa canzone:

    Che ne pensi?

  2. Bah…

  3. Sono rimasto molto colpito dalla tua articolata e garbatissima replica. Ti saluto, rinnovandoti i miei complimenti per la tua innata squisitezza.

  4. […] la cronaca 2: Di Shostakovich si era già parlato in passato. Qui su una nuova edizione dei suoi 24 preludi e fuga, e qui nel recensire il romanzo di Sarah […]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: