Pubblicato da: miclischi | 25 novembre 2009

Una moneta per cambiare il rullino

Non è fantastico che sul bordo di una piccola macchina fotografica si trovi la scritta TO OPEN INSERT COIN AND TWIST? Come se fosse un barattolo di marmellata. Ma non siamo poi molto distanti come tipo di articolo: questa macchinetta, quando uscì negli anni ’30 del ‘900, era venduta nei negozi della catena Woolworths, per di più in tre pezzi, per mantenere il costo di ciascun pezzo al di sotto del limite dei 6 pence. Il costo della macchinetta completa infatti a quei tempi era di 1 scellino e 6 pence. E non è altrettanto fantastico che sulla mascherina metallica che circonda l’obiettivo sia raffigurata una splendida barca a vele spiegate?

Stiamo parlando della V. P. Twin, prodotta nella prima serie in bakelite marroncina a partire dal 1935 e nella nuova serie nera dal 1952. Una macchina fotografica davvero tascabile che usa pellicola formato 127 e produce negativi nel formato 2,5×4. Era prodotta dalla BOLC (British Optical Lens Company) di Edwin Elliot di cui si trova tutta la storia qui.

A differenza di altre macchinette formato 127, facilmente acquistate su Internet per pochi Euro e poi provate e recensite su queste pagine – alcune delle quali sono delle vere perle e permettono di fare delle foto molto più che decenti – questa qui è un po’ scarsina. E anche il consueto soggetto/modello per le prime prove di nuove/vecchie macchinette (Cippi Pitschen, fedele confidente di passioni fotografiche) ne risulta solo riconoscibile nella nebulosità diffusa delle vecchia consumata lente.

Ciononostante fa piacere maneggiare questa macchinetta senza mirino (c’è solo una specie di finestrella metallica che si apre e che funge – egregiamente – da “mirino sportivo”). La pagina di camerapedia dedicata a questa macchinetta contiene pochi dati ma una splendida foto della confezione originale, e poi dei ricchi link al manuale della V. P. Twin, alla pagina dedicata a questa macchina dal sito Great British Cameras e al sito dei  fotocollezionisti francesi.

Nell’uso pratico di questa macchinetta (casomai qualcuno ne trovasse una con la lente in ordine) è curioso il fatto che la levetta che fa scattare l’otturatore abbia un andamento pendolare: si scatta spostando la levetta in un senso e si riscatta riportandola nella posizione iniziale. Facendo scattare la macchina aperta e osservando dall’interno si vede molto bene come funziona il meccanismo. La posizione di questa levetta che comanda l’otturatore è uno degli handicap della V. P. Twin: bisogna stare molto attenti a non muovere la macchina durante lo scatto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: