Pubblicato da: miclischi | 4 ottobre 2009

Millerecords

millerecordsMillerecords è un negozio di musica e dischi, CD nuovi e usati, vinili, novità e rarità, insomma un bugigattolo dove si passa volentieri un po’ di tempo se c’è da aspettare per una coincidenza alla Stazione Termini di Roma. Si trova infatti a un passo dalla stazione, e il “mille” del nome no si riferisce all’enorme quantità di prodotti disponibili, bensì all’indirizzo: Via dei Mille 41. Raramente una visitina da Millerecords lascia insoddisfatti e ancor più raramente succede di uscire senza essersi comprati niente. Vivamente raccomandato. Tanto per la cronaca: il negozio non ha un sito web!

Ma i mille dischi di cui si voleva parlare erano altri.

taschen25La – oh quanto meritoria – casa editrice Taschen pubblica e continua a pubblicare i suoi special” celebrativi dei 25 anni dalla fondazione. Il che significa prezzi ancora più bassi del solito. Questo libro-mattoncino di quasi 600 pagine è interamente dedicato alle copertine dei dischi (mille copertine, per la precisione). Michael Ochs – 1000 Rewcord Covers, Taschen, 2005, 9.99 €.

BILD0012I criteri con cui  si possono scegliere, elencare, raffigurare, raggruppare, le copertine dei dischi sono infiniti. Michael Ochs ne ha scelto uno (criticato, per la verità, da un lettore proprio sul sito Taschen). La cosa un po’ curiosa è che l’autore non fornisce indicazioni sulle sue scelte, si limita solo a dire qualche frase di circostanza per ognuna delle tre decadi-chiave cui si riferice il libro: gli anni 60′, o ’70 e gli ’80. Si capisce poi, sfogliando il libro,  che per quanto riguarda il criterio di raggruppamento, la linea direttrice è il tema dell’immagine (primo piano maschile, primo piano femminile, auto o motociclette, animali, etc) o la scelta grafica.

BILD0014Comunque. Questo è un ottimo libro per consultazione cessuale, e come ogni antologia fotografica cronologica su qualsiasi argomento, stupisce di continuo nel mostrare come sono cambiati i tempi (ad esempio nel modo di vestire o di gestire i capelli da parte degli artisti) ed anche  l’evoluzione del concetto stesso di comunicazione.

Infine: date uno sguardo alla sezione fotografia del catalogo Taschen: ci sono un sacco di cose interessanti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: