Pubblicato da: miclischi | 5 marzo 2009

Libeccio

 

libeccioLibeccio [li-béc-cio]. Prob. dall’ar. lebeg- o dal gr. Liby/kion, dim. di Libykós ‘della Libia’ o anche ‘occidentale’. s. m. vento umido tipico del Mediterraneo, caratterizzato da forti raffiche, proveniente da sud-ovest; per estens., la direzione di sud-ovest (Garzanti linguistica).

Il libeccio, nell’area costiera versilio-pisan-livornese (cioè, più o meno nell’areale geografico del ponce) è sinonimo di malutempu, burrasca, mettersi il maglione e forse anche la giacca a vento, oggi non si fa il bagno, oggi è pericoloso uscire in mare, oggi i frangenti impediscono l’entrata o l’uscita delle barche in Boccadarno. Il libeccio scarruffa i capelli, porta gli schizzi del mare su tutto e tutti, spande una patina di salsedine sulle porte e sulle finestre, sulle macchine, sui cancelli e sulle biciclette. Dove può, corrode; poi riduce in ruggine balaustre, cardini delle porte, carrozzerie, cartelli stradali, rubinetti e tombini. Come diceva una famosa scritta sul muro dell’Arena Garibaldi, Il libeccio corrode, il Pisa distrugge.

Un libro che si intitola Libeccio  e che raffigura in copertina un piroscafo in mezzo al mare non può non evocare storie di mare e di marinai. E invece no. L’ultimo romanzo di Folco Quilici narra di un anarchico lucchese (nome di battaglia: Libeccio) scappato in America per non essere mandato a fare il soldato in Africa e per cercare fortuna con due suoi compagni. Poi, in vecchiaia, torna a casa in lucchesia. Vicende storiche, vicende familiari, quadri di campagna lucchese alternati a immagini di un Sudamerica che rammenta i diari del Che e a scorci di corsa all’oro che ricordano le narrazioni di Zio Paperone e del suo Klondike. Un libro che va via liscio, che si tinge appena appena di giallo senza stonare, che tiene piacevolmente compagnia in un viaggio in treno. Ma uno si aspettava una storia di mare! E invece niente. Però i dialoghi in lucchese-di-campagna sono proprio gustosi, quelli sì!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: